PATOLOGIE DEL NEONATO

Il Metatarso Varo

 

Metatarsus Adductus Picture Newborn Orthopedic Problems

Cos’è Il Metatarso Varo?

Il Metatarso Varo anche chiamato metatarso addotto, è una patologia in cui l’asse del mesopiede e del retropiede risulta essere normale.

L’alterazione interessa quindi solo l’avampiede, che adduce, ossia risulta rivolto verso l’interno.

Il piede viene considerato flessibile se è possibile raddrizzarlo manualmente; altrimenti, e meno frequentemente, è considerato non-flessibile.

Cosa causa il metatarso addotto?

La causa di questa patologia congenita è sconosciuta. Si ritiene che dipenda dalla posizione del neonato nel grembo materno.

Si verifica in circa 1 neonato su 1,000/2,000, ed è più comune nei primogeniti.

I neonati con il metatarso addotto potrebbero essere maggiormente a rischio di sviluppo della displasia congenita dell’anca.

 

Come viene diagnosticato il Metatarso Varo?

Metatarsus Adductus Diagnosis Prof. Nicola PortinaroIl medico formula una diagnosi tramite un esame fisico. Dovrà conoscere la storia completa della nascita del neonato e l’eventuale presenza della condizione di metatarso vari negli altri membri della famiglia.

Nel caso in cui si presenti un metatarso varo non flessibile, sarà necessario effettuare una radiografia al piede per una migliore valutazione.

Visivamente, il piede di un neonato con il metatarso addotto è caratterizzato da un arco plantare più alto rispetto alla norma, e l’alluce è ampiamente separato dal secondo dito e rivolto verso l’interno.

Trattamento del Metatarso Varo

Il trattamento dipende da diversi fattori, quali l’età del bambino, lo stato di salute e la gravità della condizione.

Il trattamento comprende:

  • Osservazione
    Se la parte anteriore del piede è flessibile, nella maggioranza dei casi (più del 90%), il metatarso varo potrà migliorare in maniera spontanea, senza alcun trattamento.
  • Streching o manipolazioni
    Se iniziate precocemente in 40-60 gg, in associazione all’utilizzo di tutori o apparecchi gessati, portano alla risoluzione della deformità.
    A volte è consigliato assumere diverse posizioni durante il sonno (ad es. mettendosi di lato)
  • Gesso o Tutore
    In alcuni casi, quando il piede del bambino non reagisce positivamente ai programmi di stretching, è possibile usare apparecchi gessati o un tutore. Il gesso aiuta ad allungare il tessuto molle della parte anteriore del piede, e deve essere cambiato ogni settimana o due. Oltre all’ingessatura, è possibile usare una calzatura correttiva per tenere ferma la parte anteriore del piede.
  • La chirurgia è necessaria solamente nei casi in cui ci sia rigidità e il grado di deviazione sia importante. L’operazione consiste nella sezione chirurgica del tendine dell’adduttore dell’alluce, associata alla capsulotomia dell’articolazione cuneiforme-metatarsale.

Esperienza del Professor Portinaro

Il professor Portinaro si occupa di ortopedia pediatrica da oltre 30 anni, e ha affrontato numerosi casi di Metatarso Addotto.

In questo ambito ha effettuato circa 100 interventi con una percentuale di successo intorno al 95%.

RISORSE PER I PAZIENTI

Scopri come il professor Portinaro cura i suoi pazienti:

LA RICERCA

L’attività di ricerca scientifica del Professor Portinaro: